Arda ogni core

Agli albori della Musica Moderna, la voce sola accompagnata dal basso continuo, plasma e dà corpo sonoro all’idea dell’Amore in tutte le sue sfaccettature: lamenti, schermaglie, languori, tormenti e speranze.

Un percorso attraverso le più significative pagine del divino Claudio Monteverdi, svelerà come la potenza espressiva di una musica antica quattro secoli, possa ancor oggi far “ardere ogni core”.

Claudio Monteverdi (Cremona 1567 – Venezia 1643)


Lamento della Ninfa
dai Madrigali guerrieri et amorosi
Quel sguardo sdegnosetto dagli Scherzi musicali
Ecco di dolci raggi il Sol armato dagli Scherzi musicali
Ohimè, ch’io cado, ohimè dal Quarto scherzo delle Ariose vaghezze
Se i languidi miei sguardi, Lettera amorosa in genere rappresentativo
Sì dolce è ‘l tormento dal Quarto scherzo delle Ariose vaghezze
Voglio di vita uscir dal Quarto scherzo delle Ariose vaghezze

Valeria La Grotta, soprano